News > Novità > IL MESSAGGIO DEGLI ORTAGGI

IL MESSAGGIO DEGLI ORTAGGI
22/10/2014

E' con piacere che vogliamo condividere con tutti voi lo scritto della figlia di una nostra cliente, alla quale rivolgiamo i nostri più cari COMPLIMENTI!!!

Cari Giuseppe, Alberto e Paola,
la mia Sofia ieri è arrivata prima al concorso "Orto-grafia" organizzato dalla biblioteca dei Ragazzi di Cormano, con un racconto sul tema degli ortaggi ispirato anche dalla piacevolissima gita, quel sabato di settembre, presso la vostra azienda, a raccogliere zucche e accarezzare cavalli. Ancora elettrizzata e felice, mi ha detto stamattina, prima di andare a scuola, che dovevo assolutamente farvelo leggere, ringraziarvi e salutarvi con affetto. Eseguo con piacere "l'ordine categorico"!
Un abbraccio,
Chitta (Easygas)

IL MESSAGGIO DEGLI ORTAGGI

Ore 8-00 . Nella cascina di nonno Giuseppe c'è già gran movimento. Gli animali stanno facendo colazione mentre nell'aria profumata di una mattina di fine estate, si sente un rumore familiare.. E' il trattore che si dirige spedito al campo delle zucche, ormai mature e pronte per essere raccolte. Nell'orto, vicino alle scuderie dei cavalli, i nipotini Marco e Luisa sono incaricati di raccogliere le patate, le carote, gli ultimi pomodori della stagione e qualche zucchina ancora rimasta.

Che sorpresa! Luisa ha appena raccolto due zucchine a forma di S;. La bambina però non dà  importanza a questo fatto e le mette nel cestino.

Anche Marco in questo momento ha raccolto una patata dalla forma strana; perfettamente tonda con un buco in mezzo: sembra proprio una O!

Mentre tornano verso la cascina vedono arrivare di corsa nonna Pina tutta trafelata e rossa in viso: "ragazzi, è successo una cosa strabiliante!"; Nonno Pino interviene con la sua solita calma "cara, stai tranquilla e raccontaci tutto".

Nonna Pina comincia:" stavo raccogliendo le zucche, quando mi sono accorta che quelle cresciute sotto la grande quercia erano allineate in modo stranamente preciso e, avvicinandomi meglio, ho visto che assomigliano a delle lettere. Non ci crederete ,ma le zucche disposte a terra formavano queste parole: Pericolo terra!"

"Sai nonna! Anche io ho raccolto due zucchine a forma S; ed ho una strana patata che sembrava proprio una O" Dicono Luisa e Marco

";Ma è chiaro! Gli ortaggi che avete raccolto formano un messaggio S.o.s. Pericolo Terra";

"Aiuto!; allora ci invadono gli alieni! "grida Marco appassionato di fantascienza.

E il nonno ridendo "Penso che le zucche si riferiscano alla Terra che le nutre e poi cosa c'entrano gli ortaggi con gli alieni?".

La nonna dice preoccupata: "Dobbiamo capire cosa sta succedendo!"

La mattina seguente quando Luisa, come sua abitudine, va a salutare la sua cavalla preferita, Pioggia, la trova sdraiata per terra. Tutta ansante e sofferente con la pancia gonfia. Allarmata, corre ad avvisare i nonni che chiamano subito il veterinario Lamberto, vecchio amico d'infanzia del nonno un vero scienziato, amante degli animali e della natura.

Lamberto trova nonna Pina, Marco e Luisa inginocchiati vicino alla cavalla per consolarla e nonno Giuseppe con una carota in mano che gli racconta lo straordinario messaggio degli ortaggi. Lamberto pensa subito a curare la cavalla e poi dice con aria seria "Devo scoprire cosa ha avvelenato le carote che Pioggia ha mangiato e, per farlo, devo analizzare delle zolle di terra nel mio laboratorio".

Dopo accurate e laboriose analisi, Lamberto scopre che la Terra è stata avvelenata da una sostanza incolore e inodore usata di solito per fabbricare vernici. Appena riferisce

la sua scoperta agli amici, decidono di controllare fino a che profondità  la Terra è avvelenata scavando vicino alla grande quercia, scovano, sotto una radice, una tubazione con tanti piccoli fori da cui fuoriescono gocce che sembrano acqua."Ecco! E' cosi che il veleno si è diffuso nei campi. Non ci resta che scoprire dove conduce questo tubo! "Dice Lamberto.

Cosi, dopo molto molto scavare, raggiungono il retro della grande fabbrica di vernici del signor Jimmy Sponka, poco lontano dal bosco del Ginko. Subito Luisa esclama: "ma allora è¨ lui il nemico dei nostri ortaggi!"E Marco: "Non mi è¨ mai piaciuto quel tizio, alla televisione si vantava della qualità  straordinaria delle sue vernici, ma aveva degli occhi cattivi". E il nonno "anche io credo che sia stato proprio lui, ma questo lo dovrà stabilire la polizia.

Andiamo!"Grazie alla denuncia di nonno Giuseppe e di Lamberto, la polizia scopre che Jimmy Sponka stava avvelenando a poco a poco i campi vicini per costringere i contadini a venderli e ingrandire cosi la sua fabbrica di vernici fino a farla diventare la più potente del mondo.

Ma il suo piano fallisce e viene condotto in prigione, mentre Lamberto viene premiato per avere inventato l'antidoto che ripulirà la Terra.

Gli ortaggi di nonno Giuseppe diventano famosi in tutto il mondo, ma non per questo nonno Giuseppe cambia vita e lo potete trovare ancora li a curare con amore i suoi ortaggi e a giocare sereno con i suoi nipotini.

Autrice: Sofia Luce Cornelli


 
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
 

Menu principale